Isotype

           

incidente

incidente

I Commenti sono chiusi

  • MILIONI DI EURO DA INCASSARE. LA RICETTA DI MARIO LAZZANO (F.I.) IN ALTERNATIVA ALL’AUMENTO DELLE TASSE LOCALI

    news_1871_LAZZANO (1)Sciacca, ore 20:09 Si alimenta il dibattito sulla opportunità che l’Amministrazione comunale reperisca risorse finanziari.Una strada alternativa a quella semplice e troppo usata dell’aumento delle tasse locali. Le risorse che potrebbero essere sbloccate sono di gran lunga a quelle che necessitano alle casse comunali tramite la tassazione. Dopo Mario Turturici, che sta conducendo una battaglia contro l’aumento della tassazione sulla prima casa,oggi interviene l’ex consigliere provinciale Mario Lazzano, il quale pone un interrogativo: “A proposito di aumento di Tasi e Imu, non sarebbe meglio recuperare gli oneri di urbanizzazione che il Comune di Sciacca vanta per milioni di Euro?” Lazzano invita ad aprire un dibattito serio e approfondito sulla questione. “Se il Governo Nazionale a guida Renzi e il Governo Regionale a guida Crocetta, ambedue di sinistra, riducono dastricamnente i trasferimenti ai Comuni, questi vedendosi nella impossibilità di quadrare i conti ed adottare i bilanci sono costretti ad aumentare le tasse a tutti i Cittadini”. Questa è la premessa, ma Lazzano indica alcune strade da seguire. “Mi permetto,però, di suggerire a tutti i consiglieri comunali, sia di maggioranza che di opposizione, di chiedere attraverso un circostanziato atto ispettivo all’attuale Amministrazione di conoscere a quanto ammonta l’importo degli oneri di urbanizzazione che il Comune di Sciacca deve introitare”. Lazzano vuole aprire una maglia troppo frequentemente lasciata chiusa. “Costi di costruzione ,restauro e/o risanamento conservativo, sostituzione edilizia,ristrutturazione urbanistica, nuova edificazione, addizioni volumetriche, ottenimento di certificazioni di abitabilità/agibilità, concessioni edilizie in sanatoria, diritti di segreteria (ci sono le fidejussioni assicurative e bancarie in sostituzione del privato a garanzia)”. Per Lazzano si tratta di “grossissime somme”, che potrebbero colmare una buona parte della Tasi anzichè “gravare pesantemente sulle tasche di tutti i cittadini”. La Tasi,secondo Lazzano, “potrebbe benissimo essere sostituita dal pagamento di tutti quegli oneri che moltissimi cittadini sono pronti a pagare per potersi mettere in regola con la propria costruzione e magari donarla ai propri figli e/congiunti attraverso un regolare rogito che presuppone la regolarità dell’immobile”. Quanti sono gli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria che il Comune deve introitare? A quanto ammontano le previsioni di stima degli ultimi 5 anni? Quante sono le concessioni edilizie rilasciete e pronte per essere rilasciate (vedi Villette di Rocco Forte,vinsediamenti per la realizzazione di megasupermercati, etc). Per tale motivo,Lazzano invita i consiglieri comunali a sollecitare “una seria ricognizione presso gli uffici Urbanistica e Lavori Pubblici”. “Forza Italia- conclude Lazzano- rimane nettamente contraria all’aumento delle tasse sulla casa”, ecco perchè “in alternativa occorre trovare altre strade per introitare somme nei bilanci dei Comuni”.

    Be Sociable, Share!
  • Agrigento, Aggredito il consigliere Michele Mallia

    michele malliaAgrigento, Aggredito il consigliere Michele MalliaAgrigento, ore 21:11 – Aggredito, picchiato e costretto a ricorrere alle cure dei medici del pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento. Disavventura per il consigliere comunale Michele Mallia, ieri alle 13 in punto, in piazza Pirandello, proprio sotto gli alberi di fronte al Palazzo di città. Mallia è stato aggredito da un uomo, del quale non si conoscono le generalità, che lo ha strattonato, gettato a terra e riempito di calci e pugni. Assieme all’aggressore, sulla cui identità sta lavorando la polizia intervenuta a seguito della segnalazione, ci sarebbe stata anche una donna, che dai modi esagitati, sembrava avercela anche lei con Mallia. Quando il consigliere comunale è stato strattonato e con violenza aggredito, sono intervenuti alcuni commercianti della zona, pronti a prestare soccorsi alla vittima e ad allontanare l’aggressore. Ma con fatica, cercando, a stento, di riportare la calma. Mallia è rimasto sul posto cercando di rimettersi in sesto prima di allontanarsi mentre il suo aggressore si è dileguato accompagnato lontano da alcuni conoscenti. Quando è successo il fatto, nella zona circostante il municipio, non c’erano forze di polizia ne tantomeno vigili urbani che generalmente stazionano all’ingresso del Palazzo di città. Mallia è stato curato e medicato in ospedale ed ha riportato lesioni guaribili in 10 giorni, salvo complicazioni. “E’ stata una brutta mattinata per me – ha dichiarato ieri nel tardo pomeriggio il consigliere Mallia – per l’aggressione e l’umiliazione subita da un personaggio che è stato denunciato all’autorità giudiziaria. Io stavo tranquillamente parlando, intrattenendomi con un mio amico, sotto al municipio, quando si è avvicinato quest’uomo, accompagnato da una donna e ad un tratto mi sono visto aggredire, prima verbalmente e poi con violenza anche fisicamente. Spero che le forze di polizia facciano piena luce sull’accaduto”.

    Be Sociable, Share!
  • Agrigento, Settembrino eletto presidente del Consiglio comunale

    carmelo settembrinoAgrigento, ore 9:00 – Fumata bianca. Il Consiglio comunale elegge il suo presidente. Si tratta di Carmelo Settembrino, consigliere comunale indipendente. E’ stato eletto alla prima votazione con 14 voti sui 27 disponibili, tanti erano i consiglieri presenti stasera nell’aula Sollano del Municipio di Agrigento. Settembrino non ha avuto rivali. Gli altri voti sono stati così suddivisi: otto schede bianche, una nulla, un voto al consigliere Gibilaro e tre voti al consigliere Cirino. Settembrino prende il posto del dimissionario Aurelio Trupia che si era dimesso dalla carica seguendo a ruota il sindaco Marco Zambuto. Il neo eletto presidente ha subito dichiarato: “Mi metterò a lavoro immediatamente e sarò di garanzia per l’intero Consiglio comunale”. “Il Consiglio comunale – ha detto nel suo intervento il vice presidente vicario, Giuseppe Di Rosa – ha dimostrato grande maturità eleggendo a prima votazione il nuovo presidente, nella persona di Carmelo Settembrino. Hanno vinto gli indipendenti”. Niente da fare quindi per l’asse di maggioranza, che in prima battuta aveva ripiegato su un esponente del Patto per il territorio, cioè Cinzia Puleri, che è espressione anche di Forza Italia essendo il gruppo legato al deputato nazionale Riccardo Gallo. Non sono state sufficienti le riunioni e non sono serviti a nulla gli appelli all’unità del centrodestra lanciati dal fondatore del Patto, Piero Macedonio. Alla fine ha vinto l’asse trasversale che ha scelto l’indipendente Settembrino. Subito dopo l’elezione del presidente, il Consiglio ha proseguito i lavori con la trattazione degli altri punti inseriti all’ordine del giorno. Tra gli altri argomenti in discussione la mozione sulle osservazioni relative alla ” adozione del Piano Paesaggistico a firma del consigliere Michele Mallia. L’approvazione del “Regolamento comunale per la tutela del benessere degli animali e la loro convivenza con i cittadini. Poi il riconoscimento di sei debiti fuori bilancio per sentenze esecutive emesse dalla magistratura. Ed infine la presa d’atto del progetto di completamento della rete fognaria zona Cannatello – Zingarello finalizzato all’apposizione del vincolo preordinato dell’esproprio per le aree interessate alla realizzazione di alcuni collettori fognari; l’atto di indirizzo di istituzione biglietto unico per ingresso Valle dei Templi – museo e siti di interesse artistico e culturale del Comune (proposta dalla sesta commissione); la mozione sulla destinazione fondo proveniente biglietti Ente Parco archeologico al rifacimento dei marciapiedi lato Panoramica dei Templi presentato dal consigliere Di Rosa.

    Be Sociable, Share!
  • Agrigento, In edicola il nuovo dirompente libro di Giuseppe Arnone

    arnone6[1]Agrigento, ore 10:42 E’ già in vendita, in tutte le edicole e librerie di Agrigento il più dirompente e clamoroso dei libri che siano mai stati pubblicati e diffusi in questa nostra terra, di mafia e malaffare. L’autore è l’ex consigliere comunale ed ambientalista, Giuseppe Arnone. La pubblicitàdel libro non si permetterà neanche di far inquadrare in Tv l’intero titolo e sottotitolo, tanta è la carica di verità che essi contengono, anche nei confronti dei magistrati persecutori che, dopo aver chiesto nove anni di galera per Arnone, adesso sono costretti a fuggire da Agrigento con ignominia, seguendo l’esempio dell’Aretino Pietro, la cui immagine, con una mano davanti e l’altra dietro, è riportata nella terza di copertina. Nell’ultima di copertina vi è una sintesi del libro, ove si evidenzia che il libro contiene anche gli atti sinora segreti del processo per mafia a Sodano che si aprirà il prossimo 19 novembre 2014 avanti al Gup di Palermo, Sergio Ziino. Arnone è già costituito parte civile con l’avvocato Daniela Principato, ed è in possesso dei principali atti di indagine, inclusi le dichiarazioni dei principali pentiti, che parlano di Arnone, grande nemico dei capimafia, di Sodano, asservito a Cosa Nostra e degli imprenditori agrigentini asserviti ai mafiosi, e favoriti per questo da Calogero Sodano. Il libro quindi si divide in due parti, la prima dedicata al processo per mafia a Sodano, ove Arnone emerge come il principale politico siciliano da sempre e coerentemente impegnato contro la mafia e i collusi di ogni colore politico, la seconda è dedicata ai Procuratori Fonzo e Di Natale e alla loro sconfitta che tra breve li porterà ad andar via “in malo modo” dalla Città dei Templi. Il libro evidenzia pure gli insabbiamenti e le omissioni nell’azione della Procura di Agrigento.
    Sarà messo in vendita in due modi:
    a)    Il solo libro “De Bello Fonzico” a soli 8 euro;
    b)    L’intero cofanetto con i tre libri che raccontano tre anni di scontri tra Arnone da un lato e la Procura di Agrigento dall’altro, che sarà messo in vendita a soli 12 euro. Quindi i cittadini con 12 euro avranno sia “De Bello Fonzico”, che “(In) Giustizia e minchiate”, anno 2013, che “Giudici e tragediatura”, anno 2012. Il cofanetto sarà a tiratura limitata.

    Be Sociable, Share!
  • Ribera, Vassallo (Il Megafono): “Pace si conferma il Sindaco delle tasse e delle feste”

    benedetto vassalloRibera, ore 19:19 “La maggioranza che sostiene il Sindaco Pace ha bocciato il mio emendamento che aboliva, tra le altre cose, l’addizionale irpef per i redditi fino a 7.500 euro confermando la totale insensibilità di questa Amministrazione nei confronti delle fasce più deboli della popolazione”. Lo sostiene in una nota stampa il consigliere comunale del Megafono, Benedetto Vassallo.  Durante l’ultimo Consiglio comunale è stato toccato uno dei punti più bassi della politica riberese. In una sola seduta, protrattasi nella notte, sono stati trattati una serie di argomenti di tale importanza che, per prassi consolidata, vengono affrontati sempre in più sedute distinte consentendo ai consiglieri comunali di poter approfondire le tematiche con la dovuta diligenza. Si è passati dal consuntivo 2013 al piano triennale delle opere pubbliche, dalla Tasi, alla Tari e all’Imu e addirittura al bilancio di previsione 2014. In una notte è stato alzato, a livelli stratosferici, la tassazione nei confronti dei cittadini riberesi.  Ho provato a salvaguardare almeno le famiglie più deboli proponendo l’esenzione totale dell’addizionale comunale all’irpef per chi non supera il reddito complessivo annuo di 7.500 euro. Sono riusciti a bocciare anche questo! Forse perché avevo trovato la copertura finanziaria togliendo qualche migliaio di euro dai capitoli di bilancio dedicati alle feste ed ai festini. Il Governo Pace è la più grave catastrofe politica e amministrativa della storia di Ribera. Uno tsunami che sta devastando le finanze del Comune e che rischia di gettare sul lastrico centinaia di famiglie riberesi.  Pace si conferma il Sindaco delle tasse e delle feste.

    Be Sociable, Share!
  • Agrigento, L’Asp firma la convenzione col centro milanese di terapia

    salvatore lucio ficarraAgrigento, ore 16:01 Rinnovata la convenzione tra l’Asp di Agrigento ed il Centro Milanese di Terapia della Famiglia, scuola di Specializzazione in Psicoterapia per l’espletamento di tirocini formativi. Lo rende noto il direttore generale dell’azienda, Salvatore Lucio Ficarra. “La convenzione – spiega Ficarra – consentirà a giovani laureati di acquisire in loco esperienza professionale, infatti la pratica professionale di tirocinio è diretta alla formazione in psicoterapia, ed ha la finalità di confrontare la specificità del modello di formazione appreso presso il centro milanese con la domanda dell’utenza, e di acquisire esperienza diagnostica clinica e di intervento nelle situazioni di emergenza”.

    Be Sociable, Share!
  • Agrigento, Fumata nera per l’elezione del presidente del Consiglio comunale

    comune-di-agrigento11Agrigento, ore 9:00 Fumata nera in Consiglio comunale per l’elezione del presidente dopo le dimissioni di Aurelio Trupia esponente del Mpa. La votazione è stata rinviata alla prossima seduta, su proposta del consigliere Peppe Di Rosa, approvata a maggioranza, ma non sono mancate le polemiche con il gruppo di Forza Italia che ha abbandonato l’aula. Ad aprire i lavori consiliari è stato il vice presidente vicario, Ennio Saeva, ed alla lettura dell’appello in aula c’erano 25 consiglieri, quindi seduta valida e votazione avviata. Su proposta del consigliere comunale Angelo Vaccarello i cellulari sono stati lasciati sui banchi per garantire la trasparenza delle operazioni. La prima votazione è partita alle 18,50 e mezzora dopo è stato letto l’esito del primo spoglio: 9 voti Cinzia Puleri (Forza Italia), 5 voti Alfonso Mirotta (Nuovo centrodestra), 3 voti Andrea Cirino (indipendente), un voto ciascuno Salvatore Lo Bue e Carmelo Settembrino. Era necessaria la maggioranza assoluta (16 voti) per l’elezione e quindi è stato necessario ricorrere alla seconda votazione. Dopo una sospensione di oltre 10 minuti il Consiglio si riunisce di nuovo per la seconda votazione. Servono adesso 13 voti per eleggere un presidente, altrimenti la seduta sarà rinviata. Manca ancora l’accordo per la convergenza sul nome di Puleri, in molti sostengono la necessità del rinvio ad una prossima seduta per consentire ai gruppi di trovare l’intesa. L’esito della seconda votazione infatti è questo: 11 voti Cinzia Puleri, 10 voti Andrea Cirino, 2 voti Carmelo Settembrino, un voto ciascuno Salvatore Lo Bue e Giuseppe Micciché. Nessun presidente eletto. A questo punto il consigliere Giuseppe Di Rosa propone di continuare l’ordine del giorno saltando l’elezione del presidente ed il segretario generale Ina Inglima spiega che il punto per l’elezione dovrà essere reinserito in una nuova convocazione del Consiglio. Unico contrario il consigliere Gerlando Gibilaro che chiede di continuare con il voto. “La città – ha dichiarato – non può permettersi di rimanere senza presidente”. Ma l’Aula Sollano vota la proposta di rinvio del punto. Per i sostenitori di Puleri è occasione anche per contare chi non vota il loro candidato. Quindi il punto per l’elezione del presidente viene rinviato alla prossima seduta con 18 si e 8 no. Molti consiglieri abbandonano l’aula, tra cui il consigliere Puleri. Fin qui la cronaca della mancata elezione del presidente. In aula restano solo 18 consiglieri per cui la seduta conserva la validità e si va avanti per la trattazione degli altri punti in agenda. I lavori proseguono: scoppia la protesta dei lavoratori che attendono l’inserimento nel programma di potenziamento estivo della pulizia delle spiagge. Si attendeva da alcune settimane il voto di un atto d’indirizzo per spingere l’amministrazione ad assumerli. Il punto viene discusso ed alla fine viene votato favorevolmente atto d’indirizzo con 18 voti su 18 presenti. Resta ancora da discutere la variante urbanistica in ottemperanza al decreto del Presidente della Regione Siciliana, a seguito dell’accoglimento del ricorso straordinario proposto dalla ditta Concetta Schembri.

    Be Sociable, Share!
Se il contenuto di questa PAGINA è di tuo gradimento allora clicca qui

_____

I NOSTRI GIORNALI:
  • BUONA PASQUA ITALIA. RISORGI ANCHE TU

    Agrigento, ore 16.33 Pasqua è la festa del perdono, della serenità, della serietà. Si passa dalla morte alla resurrezione. Dal buio alla luce, dalla miseria alla ricchezza. E’ un periodo di forte transizione. Ecco perché, oggi più che mai, la Pasqua, rispecchia il momento storico che stiamo vivendo. Da un lato una crisi imperante, un governo che non si forma con un parlamento spaccato in tre, la giunta regionale “monca” perché un assessore cantante – che si trasforma in canterino, dissacra le donne, le onorevoli parlamentari. Le Province che non ci sono più, basta, cancellate con un colpo di spugna, come eravamo abituati a vedere nelle nostre scuole tanti anni fa, prima che arrivassero le lavagne luminose. Dall’altra parte, però, una ricchezza che viene ostentata da sempre più persone, privilegi di pochi che rimangono di pochi. C’è qualcosa che non va in questo sistema. Ma la cosa più strana e spregevole è che ci sono persone che non vanno nel sistema, ma ci restano e fanno sistema. Decidono le sorti di migliaia di persone senza esserne all’altezza e senza essere stati scelti. L’architettura democratica dello Stato, dei Comuni, delle Regioni è ormai obsoleta. Serve una “Pasqua” di risurrezione per le istituzioni vecchie e vetuste. Serve la luce nel sistema “Istituzionale” sempre più malato, corrotto e incapace. Ma sarà Pasqua? Domani sarà Pasqua, almeno per il calendario e per la Chiesa. Il nuovo Papa invita alla speranza, ma chiede sofferenza e carità. Saranno i sacrifici e l’umiltà a caratterizzare questa Pasqua? Una cosa è certa. Se non si uscirà dalla “morte” del sistema si rischia solo di evocare un fantasma che non verrà fuori nemmeno se chiamato dai più potenti medium. Lo Stato che adesso sembra un fantasma deve fare il miracolo per i suoi cittadini. Per farci essere orgogliosi di essere italiani, siciliani, agrigentini, canicattinesi, licatesi, saccensi e così via dicendo. Noi vi abbiamo raccontato finora, con i nostri giornali telematici, l’agonia del sistema, la conseguente morte clinica. Da domani vorremmo raccontarvi la Resurrezione del sistema Italia. Per condividerla con i nostri affezionati lettori. Forza Italia: anche se qualcuno aveva utilizzato il grido del nostro orgoglio nazionale per dare un nome ad un partito, nessuno ci potrà mai impedire di gridare: Forza Italia. E Buona Pasqua Italia, Buona pasqua a noi che siamo italiani in una Europa che non riconosce il nostro marchio, il marchio che abbiamo nel sangue. L’Orgoglio Italiano.

    Auguri

    Il direttore di Sicilia Edizioni

    Paolo Picone

    L’editore

    Pietro Asaro

    Be Sociable, Share!
  • CORAGGIO E’ NATALE. Editoriale di Paolo Picone

    Agrigento, ore 20.04 Coraggio. E’ Natale. E’ proprio vero. Mentre tutti iniziamo a pensare allo scambio di auguri, dimenticando per un istante le preoccupazioni che assillano la nostra vita, ci accorgiamo che nelle nostre azioni manca un po’ di coraggio. Oppure c’è molto coraggio in quello che facciamo. Il coraggio delle scelte, il coraggio di cambiare, il coraggio di fare impresa. Il nostro augurio, quello di Sicilia Edizioni, che edita i giornali on line: sicilianotizie.info, agrigentocronaca.net, canicattinotizie.net, licatanotizie.net, sciaccanotizie.net, è questo: Abbiate Coraggio. E per coraggio intendiamo quella forza di volontà che possa risvegliare la nostra voglia di fare nell’incertezza più totale o più in generale. Con i mercati che crollano, politici che deludono, imprese che chiudono, altre che aprono i battenti. A Natale il nostro augurio è questo. A Capodanno, vedremo quale sarà. BUONE FESTE

    Paolo Picone

    Be Sociable, Share!
  • Oltre 10.000 collegamenti UNICI giornalieri. Ecco i nostri numeri! I numeri di canicattinotizie

    CANICATTI’ – Cari ed affezionati lettori di canicattinotizie, torniamo a parlare di un argomento trattato un anno fa e che è servito a fare chiarezza sullo stato di salute del nostro giornale.

    A 2 anni dalla nostra prima pubblicazione (siamo nati e andati online tra febbraio e marzo del 2010) il giornale canicattinotizie gode di buona salute e cresce sempre di più. Purtroppo la nostra esponenziale crescita alimenta l’invidia dei soliti parassiti.

    Ma fino quando i soliti parassiti scaricano la loro invidia nel loro piccolo cervello ci potrebbe stare!! Il problema e’ che gli SCONFITTI devono alimentare il venticello della calunnia al fine di arrecare danno al nostro giornale.

    Quando con discorsi capziosi, pretestuosi e con messaggi mirabolanti si vuole fare capire addirittura che non oltrepassiamo 800 collegamenti al giorno perche’ non siamo collegati con google adplanner ECCO CHE DIVENTA NECESSARIO UN INTERVENTO PER FARE CHIAREZZA E CONFUTARE LE BUGIE DETTE DAI SOLITI BUGIARDI

    Il nostro giornale ha una media, prendendo in esame l’ultimo trimestre del 2011 (ottobre – dicembre 2011) di circa 10.000 collegamenti unici.

    10.000 collegamenti unici che sono il nostro orgoglio e la base  per crescere ancora di più.

    Anzi ci dobbiamo rimproverare nell’ultimo trimestre di avere forse trascurato 2 fattori importanti l’indicizzazione e la grafica del sito…..MA NON ABBIAMO MAI ABBANDONATO LA NOSTRA MISSIONE  PRICIPALE: FARE INFORMAZIONE.

    Quindi ci scusiamo con i nostri lettori che rassicuriamo: a breve ce ne saranno delle belle (grafica e indicizzazione) ed una azione innovativa per consolidare il rapporto con i nostri lettori.

     Ringraziamo i nostri lettori di vero cuore.

    Ringraziamo i nostri inserzionisti di vero cuore.

    Ed è proprio ai nostri inserzionisti che ci rivolgiamo in particolare modo: quando qualche impresa ha voluto verificare, prima di spendere i soldi per la pubblicità, se veramente avevamo più di 10.000 collegamenti giornalieri, abbiamo fatto venire in redazione i responsabili di quella azienda ed ABBIAMO MOSTRATO I NOSTRI GRAFICI con lo storico. Questa operazione la facciamo solo con gli inserzionisti a cui dobbiamo dare conto perché loro sono imprenditori come noi.

    Quindi la BUFALA diffusa dai soliti BUGIARDI è da ritenersi ancora una volta NOTIZIA INFONDATA, SUBDOLA, E SCORRETTA.

    Chi agisce in questo modo al fine di danneggiare il nostro gruppo editoriale  continuando ancora a FARE STALKING COMMERCIALE sarà denunciato alla Procura della Repubblica.

    I nostri inserzionisti possono stare tranquilli che la pubblicità commissionata e realizzata su canicattinotizie  è un investimento perchè  i nostri collegamenti sono STABILIZZATI ed in continuo crescendo.

    L’editore

    Pietro Asaro

    Il direttore

    Paolo Picone

    RELAZIONE TECNICA SU “GOOGLE ADPLANNER”

    Google Ad Planner è un’applicazione gratuita che permette di avere un’ orientamento sul target di utenti che affollano i siti web di tutto il mondo,prettamente utile per coloro che devono creare e gestire media planning o che vogliono studiare l’andamento dei siti su cui investire fondi pubblicitari. Sarebbe bello sapere fatti e cose altrui in maniera “trasparente”, ma a volte l’apparenza inganna, ed è giusto, dunque, dare certe delucidazioni in merito, specialmente se dall’altra parte dello schermo si trovano neofiti o persone che ne “masticano” poco di Informatica. Ma procediamo con ordine.

    Google Ad Planner,quindi, non fa altro che RENDERE PUBBLICI i dati statistici dei siti web che, dopo aver dato il proprio consenso:

    - hanno fatto un’ iscrizione iniziale all’interno di Google Adplanner come “Publisher”, dove inseriscono descrizione e settore di competenza di questi,

    - usano “Google Analytics” come programma di supporto statistico per il controllo del traffico sul proprio sito internet.

    Quindi, per tutti quei siti che:

    - NON danno il consenso

    - NON sono iscritti su Google Adplanner

    - NON usano Google Analytics

    NON SARA’ POSSIBILE VISIONARE I DATI SUL TRAFFICO.

    E SOPRATTUTTO, NESSUNO RISCHIA DI ESSERE BANDITO DA GOOGLE SE NON SI

    ADERISCE A TALE SERVIZIO.

    E’ anche vero che non tutti i siti possono essere presenti su Ad Planner pur avendone fatto richiesta d’inserimento, in quanto Google potrebbe aver applicato una delle seguenti restrizioni:

    1) “Affinché i tuoi dati di Google Analytics, condivisi e a livello di sito, siano visualizzati in

    DoubleClick Ad Planner, il tuo sito deve ricevere un

    minimo di 100 visitatori unici (cookie) al mese. Se il numero di visitatori unici al mese (cookie) scende sotto il requisito minimo, DoubleClick Ad Planner non visualizzerà più i tuoi dati di Google Analytics.”

    Fonte: http://support.google.com/adplanner/bin/answer.py?hl=it&answer=144504

    2) “ Ha utilizzato un file di esclusione robots.txt per evitare l’indicizzazione da parte di Google.”

    3) Non rispetta le linee guida in tema di qualità

    Fonte: http://support.google.com/adplanner/bin/answer.py?hl=it&answer=98397

    Be Sociable, Share!
Previsioni Meteo

Testata iscritta al n° 209 del Registro Stampa del Tribunale di Agrigento in data 18/01/2010  Sicilia Edizioni P.IVA 02455940847
Tutti i contenuti di sciaccanotizie.net  sono di proprietà della Sicilia Edizioni. È vietata la riproduzione anche parziale.

http://www.wikio.it